Cerca

Conosci la Cila, la Scia e il Permesso a Costruire?

CIAO BELLO DE CASA,  

In questo articolo andiamo ad imparare termini come C.I.L.A. , S.C.I.A. e PERMESSO A COSTRUIRE  che non sono the new tre caravelle.

Oggi volevo fare una piccola panoramica sui titoli edilizi che incontri quando pensi di acquistare la tua casa, ti consiglio di farti assistere da un tecnico perché spesso si confondono anche gli agenti immobiliari per via delle varie normative cambiate e susseguitesi negli anni. 

Ad oggi possiamo avvalerci dei seguenti documenti, o titoli edilizi :  

  • Permesso a Costruire  
  • S.C.I.A.  
  • C.I.L.A.  

te li ho presentati in ordine decrescente, dal più Importante a scendere. 

 Il Permesso a Costruire

Si utilizza di norma  per interventi Cicciotti ( leggi rilevanti). 

Il Permesso a costruire viene regolato col D.P.R. 380/01 e s.m.i. e viene rilasciato dal Comune competente, dopo il  pagamento dei previsti oneri concessori e presentazione di idonea documentazione a firma di un tecnico abilitato, che attesti la conformità dell’opera da realizzarsi agli attuali strumenti urbanistici e regolamenti edilizi. 

Si fa ricorso alla richiesta del documento di PERMESSO A COSTRUIRE quando vanno realizzati lavori importanti come una nuova costruzione, l’ampliamento della casa, la soprelevazione dell’edificio, i cambi di destinazione d’uso ecc. 

Ha tempi più lunghi rispetto alla C.I.L.A. o la S.C.I.A. e potrebbe anche essere usato al posto delle stesse essendo IL TITOLO EDILIZIO PiU’ IMPORTANTE. 

I tempi per l’ottenimento di un documento di Permesso a Costruire variano da amministrazione ad amministrazione, ma è ragionevole prevedere qualche mese dalla data di presentazione per una richiesta molto semplice, con tempi che si allungano in base alla consistenza dei lavori  da effettuare ed alla documentazione da produrre. 

La S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività)

è una segnalazione che è stata introdotta al fine di semplificare i processi amministrativi. 

Acquisisce il suo massimo potere con l’introduzione del dlgs. 222/2016, tutt’ora in vigore. 

Per la S.C.I.A. è obbligatorio rivolgersi ad un tecnico che asseveri (asseverazione DEFINIZIONE: Certificazione, nei modi previsti dalla legge, della verità di un fatto, di un documento, di una dichiarazione, o della conformità al testo originale di na traduzione.) e si sostituisca alla Pubblica Amministrazione. 

Per iniziare i lavori, non si deve più aspettare il rilascio di un parere espresso dalla Pubblica Amministrazione, ma aspettare il tempo del  silenzio-assenso, termine perentorio entro il quale in caso di mancata risposta da parte della Pubblica Amministrazione, l’istanza si ritiene accolta. 

I tempi  previsti per il silenzio-assenso del documento di S.C.I.A. sono di trenta giorni per gli interventi più importanti ed immediati per interventi più “leggeri”. 

Sono consentiti ad esempio variazioni della destinazione d’uso modifiche prospettive, interventi strutturali, frazionamenti, variazioni della tramezzatura interna.  

Il tecnico incaricato per completare la pratica, oltre alla presentazione dei corretti elaborati dimostrativi e documenti asseverati deve allegare copia dei pagamenti di  oneri concessori, ove previsti.  

La C.I.L.A. (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata)

Prende come riferimento normativo l’art. 6-bis del D.P.R. n. 380/2001, ed è una comunicazione di parte assistita da documenti a firma di un tecnico abilitato, un geometra o un architetto, che si usa per i lavori  edilizi più semplici, senza aumento di superficie utile, quelli ad esempio relativi al frazionamento di immobili, allo spostamento dei tramezzi interni ad esempio quando vuoi allargare un bagno o una cameretta, interventi di natura non strutturale, ecc..  

Una volta presentata la comunicazione al Comune, i lavori  possono essere subito realizzati in quanto il professionista che si occupa di preparare la pratica la ASSEVERA e si prende la responsabilità . 

Non è previsto il pagamento di oneri concessori. 

Alla luce di tutto ciò quando ti preparerai ad acquistare una casa sai che se quando la vai a vedere il disegno in planimetria non è uguale ai locali che visiti, il venditore dovrà regolarizzare con una pratica edilizia, oppure se prevedi di comprare una casa e poi ristrutturarla sai che ci vogliono tempi diversi in base ai lavori che intendi effettuare. 

Mo, mica pe volè esse proprio pignolo, ma ‘ndo lo trovi un altro che te spiega le cose in modo cosi semplice? 

Dai, vieni a comprare la tua nuova casa, lascia i tuoi dati